….DANIMARCA : UNA VERGOGNA

 INCREDIBILE CHE POSSA ESISTERE !

che fare, se non denunciare quello che sta accadendo, diffondendo il più possibile queste immagini.

 1.jpg

  BENCHE’ QUESTO SEMBRI INCREDIBILE, OGNI ANNO, QUESTO MASSACRO BRUTALE E SANGUINARIO SI RIPRODUCE NELLE ISOLE FEROE, CHE APPARTENGONO ALLA DANIMARCA.   LA DANIMARCA , UN PAESE SUPPOSTO ‘CIVILIZZATO’, MEMBRO DELL’UNIONE EUROPEA. TROPPE POCHE PERSONE AL MONDO CONOSCONO QUESTO AVVENIMENTO ORRIBILE E DEPROVEVOLE CHE SI RIPETE OGNI ANNO. QUESTO MASSACRO SANGUINARIO E’ IL FRUTTO DI GIOVANI UOMINI CHE VI PARTECIPANO PER DIMOSTRARE DI AVER RAGGIUTNO L’ETA’ ADULTA (!!). E’ ASSOLUTAMENTE  INCREDIBILE CHE NON SIA FATTO NIENTE AFFINCHE ‘ QUESTA BARBARIE CESSI. UNA BARBARIE CONTRO I DELFINI CALDERONES, UN DELFINO SUPER INTELLIGENTE E SOCIEVOLE CHE SI AVVICINA ALLA GENTE PER CURIOSITA’.

INVIA QUESTO MESSAGGIO A TUTTI I TUOI CONTATTI. VERGOGNA ALLA DANIMARCA !!! Fate sapere a tutti che in Danimarca massacrano ogni anno i delfini extra-intelligenti e socievoli per una festa così come fosse un carnevale.

2.jpg
4.jpg
5.jpg
9.jpg
10.jpg

….DANIMARCA : UNA VERGOGNAultima modifica: 2009-06-25T23:42:00+00:00da euloristopia
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “….DANIMARCA : UNA VERGOGNA

  1. ma!…. che dire,,,,,, questo si vede altre cose no!,,,,, non ci trovo niente di strano o particolare, se non il fatto che impressiona il mare colorato di rosso, ma non troviamo situazioni diverse nei macelli…. pensiamo a tutti i polli sugli scaffali dei supermercati,,,, sai loro sono già confezionati….. forse non fanno senso, no??? io pure a settembre dovrò tirare il collo ai “miei” di polli…. sono una decina, che dire!??!”?!…. è la natura! ciaociao

  2. Caro boiamondo,
    comprendo i tuoi argomenti, ma non li ritengo sufficenti a placare il mio disappunto. Vedi io credo che l’essere umano si un po’ meglio di un interruttore. E la categoria “siccome per nutrirci dobbiamo sopprimere altre forme di vita” allora “siamo autorizzati a sopprimere animali in qualsiasi caso” mi sembra troppo grossolana come giustificazione.
    C’è stato un tempo, in cui gli uomini ringraziavano lo spirito dell’animale ucciso durante la caccia.
    C’è stato un tempo in cui l’uomo ha avuto bisognio di affermare, celebrare la propria supremazzia sulla natura.
    Oggi è il tempo in cui l’uomo deve prendersi cura della Natura per restituire il luogo della sua sopravvivenza migliorato alle generazioni future.
    Provare pena per un animale ucciso non è la soluzione ma è parte integrante di questo processo di cambiamento.

  3. Da una parte sono felice di aver letto questo articolo per poter partecipare, nel mio piccolo, a fermare queste atrocità… Dall’altra parte però avrei preferito rimanere ignorante perchè queste cose mi scioccano a tal punto che per giorni mi ritrovo a rivedere nella mia mente le stesse tragiche immagini…

    Per rispondere ai messaggi precedenti, vorrei puntualizzare che uccidere per BISOGNO PRIMARIO ed uccidere PER DIVERTIMENTO sono due cose ben diverse.
    Il mio ragazzo ha un allevamento in cui alleva e cresce moltissimi animali (conigli, oche, galline ma anche mucce, asini e cavalli) che poi, puntualmente, finiscono al macello.
    Ovviamente dispiace per quelle povere creature, ma non bisogna dimenticare che sono fonte di nutrimento necessaria per il nostro organismo… Noi abbiamo bisogno della loro morte per poter sopravvivere. (e non venitemi a raccontare che potremmo diventare tutti vegetariani perchè non è questa la risposta!)
    Questi poveri delfini sono stati massacrati brutalmente per gioco, per divertimento e dalla loro morte non si ritrae nessuna utilità…
    Per questo dovremmo tutti schierarci per fermare queste atrocità.

    Come questi delfini, ci sono molti altri animali che vengono uccisi senza alcun ritegno per scopi assolutamente indegni… Ma parlare di tutti è come parlare di nessuno percui ringrazio l’autore di quest’articolo per essersi focalizzato su un solo problema… Perchè è trattandoli uno alla volta che si possono risolvere.
    Berenike

Lascia un commento